Attraverso un comunicato ufficiale, dopo la contestazione da parte di AGCOM, finalmente giunge per TIM il blocco automatico dei servizi a pagamento.

TIM: stop ai servizi a pagamento (e non solo)

Dopo le numerose denunce da parte dei clienti che, navigando in rete, attivavano facilmente degli abbonamenti (i servizi VAS, in gergo tecnico), TIM ha finalmente proposto una soluzione a questa problematica sempre più diffusa che sarà effettiva già dal prossimo mese di novembre 2020.

A partire dal prossimo novembre 2020, infatti, su tutte le nuove SIM sarà introdotto il blocco automatico di tutti i servizi VAS, (ad esclusione dei servizi bancari e di quelli per il mobile ticketing, per il trasporto pubblico, per i parcheggi ed il voting. Inoltre, qualora l’utente volesse rimuovere questo blocco imposto, potrà farlo in maniera totalmente gratuita in qualsiasi momento.

In aggiunta, TIM prevede l’utilizzo del meccanismo OTP per frenare le attivazioni fraudolente circa le attivazioni di abbonamenti da parte di aziende terze. Con questo nuovo meccanismo, l’utente riceverà un messaggio OTP (One-Time-Password) da dover inserire nella pagina della richiesta di attivazione di un abbonamento.
In assenza di questo codice non sarà possibile procedere con l’attivazione dell’abbonamento.

Il testo integrale del comunicato è disponibile cliccando QUI.